linea diretta 328 2354171

Incompetenti e inconsapevoli di esserlo: l’effetto DUNNING-KRUGER

E’ sapiente solo chi sa di non sapere, non chi s’illude di sapere e ignora così perfino la sua stessa ignoranza

Socrate

 

Nel 1999 due ricercatori della Cornell University di New York hanno scoperto un curioso e insidioso cortocircuito mentale che illude chi è incompetente a non accorgersi della propria incompetenza ed essere invece convinto , con poche informazioni, di essere già padrone di un argomento specifico.

Questa ricerca è stata ispirata dalla divertente storia di un tizio, chiamato Mc Arthur Wheeler, che avendo letto che il succo di limone può essere utilizzato come inchiostro invisibile, se ne era cosparso il viso e aveva tentato di rapinare una banca a Pittsburgh.

Gli investigatori riferirono che il colpo era stato pianificato accuratamente: aveva tentato di farsi una foto e, in effetti, in questa foto lui non c’era, ma probabilmente in realtà la foto non era stata scattata bene, forse perché il succo di limone gli bruciava gli occhi. Ma questo gli bastò per convincersi di essere invisibile.

Nel loro lavoro pubblicato nel 1999, Unskilled and Unaware of It: How Difficulties of Recognizing One’s Own Incompetence Lead to Inflated Self-assessments, spiegano : “Quando le persone sono incompetenti nelle strategie che adottano per ottenere successo e soddisfazione, sono schiacciate da un doppio peso: non solo giungono a conclusioni errate e fanno scelte sciagurate, ma la loro stessa incompetenza gli impedisce di rendersene conto. Al contrario, come nel caso di Wheeler hanno l’impressione di cavarsela egregiamente”

Partendo dal concetto che, per ogni materia, esistono persone molto esperte, persone con una conoscenza media e persone per nulla esperte o incompetenti,  l’effetto Dunning Kruger consiste in questo: le persone incompetenti non hanno consapevolezza della propria incompetenza, pensano addirittura di avere capito tutto e fanno errori su errori, credendo però  di cavarsela ugualmente.

Non solo: approfondendo la questione si è scoperto che gli incompetenti tendono a sovrastimare le proprie conoscenze e a sottovalutare il livello medio di conoscenze dell’intero gruppo. Ad esempio: l’88 per cento degli automobilisti americani ritiene di avere capacità di guida superiori alla media.

Proseguendo lo studio, Dunning ha verificato che con il progredire dell’apprendimento, il senso di superiorità decresce progressivamente e, quello che prima era l’incompetente inconsapevole, comincia a rendersi conto che la materia non è così semplice.

Dagli studi emerge anche un altro fenomeno chiamato “sindrome dell’impostore”: anche i migliori sbagliano, ma nel senso opposto e cioè i più competenti tendono a sottovalutare le proprie competenze. Arrivano facilmente alla soluzione più giusta e sono convinti che anche gli altri siano in grado di arrivare con altrettanta facilità alle stesse conclusioni.

Non è così: gli esperti dialogano entrando nel merito e portando fatti mentre gli incompetenti rispondono in base alle loro errate credenze, cercando di screditare l’autorevolezza degli esperti.

Ricapitolando: l’incompetente spesso è anche supponente e nutre una incondizionata fiducia nelle proprie capacità, non percependo i propri limiti e ignorando i propri errori e contemporaneamente fa fatica a riconoscere la competenza altrui.

Nella mia opinione internet ha acuito questo effetto: l’accesso immediato e (quasi) gratuito a tutta (o quasi) la conoscenza umana, ha fatto sì che si possa pensare che leggendo alcuni articoli su un determinato argomento se ne diventi esperto. Si può dire, con ragionevole certezza, che questo effetto è diventato pervasivo: l’incompetente non sente il bisogno di approfondire, pensa di sapere tutto e guarda il resto del mondo dall’alto in basso. Tutti si sentono esperti di tutto.

IL MONDO DEI PRESTITI E L’EFFETTO DUNNING-KRUGER: 4 ERRORI DA EVITARE

Ti ho voluto parlare di questo argomento perchè vorrei metterti in guardia: nel mondo dei prestiti può succedere che tu pensi di essere già un esperto attraverso poche informazioni trovate su internet e di risolvere le tue problematiche senza aiuto.

Questo può avere delle conseguenze disastrose, perché rischi di commettere errori enormi e di perseverare in questi errori.

Ti vorrei solo indicare 4 di questi errori che sono da evitare:

  • Valutare non correttamente la tua situazione attuale: prima di accedere ad un prestito è necessaria una valutazione accurata della tua situazione finanziaria attuale. Bisogna considerare le tue entrate, le tue uscite, gli altri impegni in corso e gli eventuali imprevisti che possono capitare. Se non fai questa valutazione potresti trovarti in situazioni di sovraindebitamento e non riuscire ad onorare i tuoi impegni.
  • Valutare non correttamente le conseguenze delle tue scelte: come detto più volte, accedere ad un prestito ha delle conseguenze importanti sulle tue finanze. Una valutazione non corretta di queste conseguenze può avere effetti disastrosi. Il prestito si deve inserire perfettamente nella tua struttura di spesa mensile e non diventare il sogno che si tramuta in incubo.
  • Affidarsi al fai da te: affidati ad un vero esperto, che possa valutare la tua situazione attuale e le conseguenze di un nuovo prestito. Non fidarti solo del tuo giudizio, ma confrontati con chi ha già affrontato e risolto tutte le possibili situazioni e può anticipare e affrontare tutti i possibili imprevisti. L’ideale sarebbe trovare qualcuno che ti segua anche per il resto della tua vita.
  • Affidarsi senza criterio ai siti di comparazione: sai che questo argomento mi sta particolarmente a cuore. E’ corretto cercare il prestito più conveniente, ma ti chiedo: tutti i prestiti sono uguali? Quel prestito, di cui stai cercando il prezzo migliore, è proprio il prodotto ideale per te? Si inserisce bene nella tua struttura di spesa mensile? E’ il tuo sogno che si avvera o si trasformerà nel tuo peggiore incubo?

 

Vorrei aiutarti a trovare il prestito migliore per te.

Dopo 20 anni di esperienza e migliaia di persone aiutate e seguite, ti propongo di diventare il tuo consulente prestiti.

 

 

 

Autore: Max Pinzuti

mail: info@emmepifinanziamenti.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.