Saldo e stralcio: che cos’è?

Cosa si intende per SALDO e STRALCIO

Per chiusura a  SALDO E STRALCIO  si intende, di solito,   un accordo che chiude, bonariamente, un prestito dove ci si accorda per un importo di chiusura più basso , ma con la certezza del pagamento .

In pratica il creditore rinuncia a azioni esecutive (ad esempio con il pignoramento) e il debitore si impegna a versare subito una somma più bassa.

Tale somma viene definita con un accordo e , una volta pagata questa cifra , il prestito si può ritenere estinto e il debitore libero da ogni impegno impegno.

Ad esempio:  se un finanziamento va in contenzioso perchè il debitore fa fatica a pagare e il residuo è , diciamo, 20.000 euro, il creditore potrebbe accettare un accordo per una chiusura a saldo e stralcio di anche 10.000 euro.

Dato il periodo di crisi come questo,  i creditori, spesso, preferiscono accettare accordi per importi anche molto inferiori pur di evitare il rischio di non recuperare nulla.

Ogni trattativa ha storia a se. Non esistono percentuali già definite di proposte a saldo e stralcio. 

Per quanto riguarda gli istituti di credito, questi valutanto chiusure a saldo e stralcio solo se la posizione  è ad incaglio oppure a sofferenza. In questi casi il debitore viene sicuramente segnalato in Crif .

Normalmente le banche e le finanziarie, una volta falliti i primi tentativi di recupero della posizione, preferiscono cedere il credito a delle società di recupero.

In pratica  le società di recupero acquistano il credito ad un prezzo inferiore rispetto al valore del credito e quindi hanno interesse a rientrare della spesa senza ulteriori aggravi. Quindi , in teoria, basterebbe offrire una somma appena superiore a quello sostenuto dalla società di recupero per acquistare il credito per vedersi approvata la richiesta di saldo e stralcio.

Ad esempio: se il credito iniziale ad incaglio era per 20.000 euro e la finanziaria vende la posizione ad una società di recupero per 10.000 euro, basterebbe offrire una chiusura a saldo e stralcio per 11.000 euro.

Per formulare la richiesta di chiusura a saldo e stralcio è sufficiente fare una proposta scritta nella quale si propone una determinata somma per  la chiusura a saldo e stralcio della posizione.

Chi paga a Saldo e Stralcio viene Cancellato dalla lista dei Cattivi Pagatori?

Ho indicato i tempi di cancellazione dal Crif in un altro articolo.
Questa è una delle situaizoni dove si viene cancellati in maniera automatica passati 36 mesi dal momento che la posizione viene sanata.
 
La chiusura a saldo e stralcio fa parte di questa casistica perchè l'istituto di credito, una volta saldata l'operazione a saldo e stralcio, deve comunicare al Crif che la posizione è stata chiusa.
 
Ci sentiamo di evidenziare di diffidare dalle agenzie che promettono la cancellazione dal Crif facendosi pagare. La cancellazione è automatica , non è necessario chiederla in maniera esplicita, ed ha dei tempi già definiti.
 
 

Ho un prestito che non riesco a pagare e vorrei chiudere a saldo e stralcio. Ma non ho i soldi. Come faccio?

Il fatto che tu abbia un finanziamento che vuoi chiudere a saldo e stralcio presuppone che tu abbia difficoltà a pagare le rate e che sia già stata attivata una società di recupero.

Significa anche che, molto probabilmente , sarai stato segnalato al CRIF .

Non potrai quindi ottenere un prestito personale per potere chiudere la tua situazione incagliata.

Puoi però chiedere la cessione del quinto dello stipendio o della pensione che sono prodotti ottenibili anche in caso di segnalazioni. Anzi, può essere l'occasione per sanare tutte le tue posizioni in sospeso, pagare una rata unica più bassa, e liberarti, finalmente , dei recuperatori.

L'ideale sarebbe trovare una agenzia che , addirittura, contatti i recuperatori dicendo che l'operazione verrà chiusa a saldo e stralcio e che curi, addirittura, la contrattazione dell'importo a chiusura.

Quella agenzia siamo noi. Contataci subito.

 

 

Please share, follow & like us 🙂

Autore: Max Pinzuti

mail: info@emmepifinanziamenti.it

tel: 328 2354171

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *