Mi possono pignorare la pensione?

il pignoramento della pensione è possibile?

Si, purtroppo.

Entro certi limiti anche la pensione può essere pignorata.

La pensione può essere pignorata nel massimo del quinto della pensione, ma ci sono dei limiti minimi al di sotto dei quali non si può andare. Tali limiti sono relativi alla base impignorabile che è a pari all'importo dell’assegno sociale aumentato di un 50%.

Per il 2017 l’assegno sociale corrisponde a 448 euro e quindi la base impignorabile è pari a 448 euro più  224 euro  quindi totali 672 euro. 

Quindi se, ad esempio, la tua pensione è 700 euro, il quinto sarebbe 140 euro. Ma facendo 700 euro meno 140 euro la tua pensione diventerebbe 560 euro, quindi al di sotto del limite di impignorabilità. Questo significa che  la rata massima del pignoramento potrà essere di 28 euro perchè ti devono rimanere minimo 672 euro al mese.

Se ci sono più creditori potranno essere fatti anche più pignoramenti. Ma nel limite della metà della pensione che rimane oltre la base impignorabile. Quindi di solito non più di due pignoramenti potranno essere addebitati dato che ogni pignoramento non può superare il quinto.

Invece i parametri cambiano in caso di alimenti per l'ex coniuge o per i figli dove il giudice può definire anche importi diversi.

Come viene determinata la pensione da pignorare

Il pignoramento viene calcolato sulla pensione al netto delle tasse. Cioè se la pensione lorda è 900 euro e quella al netto delle tasse è 750 euro è su questo importo che bisogna fare tutti i ragionamenti (calcolo del quinto, parte pignorabile e non pignorabile, calcolo della metà in caso di più pignoramenti).

In questo calcolo non puoi invece considerare le rate di cessione del quinto della pensione.

Ad esempio  se la tua pensione lorda è 1200 euro e quella  netta 1000 euro e hai già una cessione del quinto con una finanziaria con rata da 200 euro, ti rimangono al mese 800 euro. In caso di pignoramenti i calcoli vengono fatti sui 1000 euro di pensione al netto delle tasse, non sugli 800 che ti vengono pagati dall'INPS.

 

Come avviene il pignoramento presso l’Inps? E sul conto corrente ?

Il pignoramento può essere fatto alla fonte quindi direttamente tramite l'INPS. In questo caso l'INPS addebita direttamente dalla pensione l'importo del pignoramento e ti paga la differenza. Contestualmente paga l'importo del pignoramento direttamente al creditore.

Purtroppo è una casistica frequente. 

L'altra ipotesi è il pignoramento sul conto corrente dove ci sono dei parametri differenti

Per tutte le pensioni mensili accreditate prima del pignoramento, il creditore può pignorare sul conto solo l’importo eccedente il triplo dell’assegno sociale (1.344 euro);

Per le pensioni accreditate nel giorno del pignoramento o successivamente bisogna invece considerare il minimo impignorabile di 672 euro, e il creditore può pignorare fino al limite del quinto.

posso chiedere un prestito se la mia pensione è pignorata?

Si. La cessione del quinto sulla pensione può coesistere con il pignoramento. Tale coesistenza deve avvenire nel limite della metà della pensione netta.

In alcuni casi si può anche valutare di fare una cessione volontaria con l'idea di chiudere il pignoramento e avere della liquidità.

Contattaci senza indugio per valutare cosa possiamo fare per aiutarti.

 

 

 

Please share, follow & like us 🙂

Autore: Max Pinzuti

mail: info@emmepifinanziamenti.it

tel 328 2354171

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *